.
Annunci online

Sei anni più tardi e mille novità !!
post pubblicato in diario, il 3 gennaio 2017

Certo che di tempo ne è passato dai miei ultimi racconti.. non potreste immaginare quante cose ho fatto in tutti questi anni. Mi dispiace per questo lungo silenzio, ma gli impegni sono stati molti e sarò felicissima di raccontarveli..

Vi ho lasciati che frequentavo ALMA, la scuola dicucina di Gualtiero Marchesi, ed è proprio da li che c'è stata la grande svoltadella mia vita.. Ho conosciuto Paolo, cuoco da molti anni con grandi esperienze all'estero che dopo diversi anni a New York, Londra, Lussemburgo, Monte Carloha deciso di rientrare in Italia.

Io nel frattempo ho finito la mia università aMilano, ho concluso con successo il mio corso di cucina ad Alma e ho deciso didiventare sommelier frequentando i 3 livelli dell'AIS Milano. Insomma gli annisono passati ma la passione è rimasta sempre la stessa. Mi sono iscritta ad unMaster in Hospitality Management a Glion in Svizzera e ho fatto diversi stageper poter apprendere sempre più.

 

Ma la grande novità arriva a Marzo 2013... Ho comperato il mio primo ristorante !!  (ebbene si dico "primo" perché con calmavi racconterò gli anni a venire.. siamo solo al 2013!! )

Paolo ed io ci siamo trasferiti in Francia.. CostaAzzurra.. a pochi chilometri da St Tropez in bellissimo villaggio provenzale che si chiama Ramatuelle.. 

Era agosto 2012 mentre passavamo molto del nostro tempo insieme al maestro Gualtiero Marchesi a farci affascinare dai suoi racconti di vita.. Io, sempre sognatrice, sbirciavo su internet alla ricerca diqualche ristorante in vendita nel sud della Francia, finché agli inizi disettembre trovo un annuncio di un ristorante in vendita a Ramatuelle. E' bastata una telefona per prendere un appuntamento e recarci di volata in Francia per visitare il posto ed innamorarsi del ristorante. 

 

Ed eccomi qua.. dopo anni, ho un marito Chef ed houn bellissimo ristorante del quale sono completamente innamorata..

 

Sbirciate pure anche voi:  www.laforgederamatuelle.fr

 

Torno prestissimo per raccontarvi tutto ilresto.. 

I progetti sono tanti ma i sogni sono migliaia :)


Boeuf Bourguigon & Torta Cioccolato e Lamponi
post pubblicato in diario, il 28 gennaio 2011
Ieri era una di quelle giornate in cui avevo proprio voglia di cucinare.. ma da brava studentessa prima il dovere poi il piacere. Dopo una lunga e intensa mattinata passata ad imparare pronomi, nomi, articoli e verbi in spagnolo ho deciso di rallegrare la mia giornata mettendomi ai fornelli.

In primis.. il menu!! Volevo preparare qualcosa di laborioso, diverso, succulento...dal sapore semplice ma gustoso. La cucina di Oci questa sera offre: boeuf bourguignon con purea di patate e torta cioccolato e lamponi.
E` così che mi ritrovo a passare ben due ore al supermercato.. è incredibile, quando vado a fare la spesa che ho un pochino di fame compro di tutto. (Lesson number one: mai andare al supermercato affamati o all'ora dei pasti!!!). 
La carne fresca ho preferito prenderla dal mio macellaio di fiducia, un supermercatino sotto casa, poco rifornito, ma la qualità della carne è eccezionale.

Voglio fare una piccola parentesi. So a cosa state pensando.. Boeuf bourguignon? Julia Child? ormai lo fanno tutti.. è vero, da quando è uscito il film , che personalmente trovo bellissimo, tutti quanti fanno come Julie e scrivono blog di cucina utilizzando le ricette di Julia Child. Ma questo non è il mio obiettivo, io cerco solo di raccontarvi un pochino la mia più grande passione..e la ricetta di Julia della bouef bourguigon mi ha conquistata.

Tornando alla mia cenetta.. Fatta la spesa, comperato tutto il necessario, compreso un buon vino, ero pronta per mettermi ai fornelli e preparare queste prelibatezze.

Inizio dalla torta dato che deve rimanere almeno un paio d'ore in frigorifero. 
Libro di ricette aperto, forno acceso, pentolini pronti, grembiule addosso, musica on e si comincia.. Preparo la pasta sucrè, la faccio riposare in frigorifero, nel frattempo taglio i lamponi e le foglie di menta, preparo la ganache al cioccolato e appena la pasta è pronta e rivestita di lamponi e menta, rovescio piano piano quella deliziosa, dolce, delicata crema di cioccolato in modo che ricopra completamente la frutta. Immaginate una cascata di cioccolato fondente... mmm mi torna l'acquolina in bocca!! La metto in frigorifero fino a 15/20 minuti prima di mangiarla.

Pensavo ci volesse meno, ma tra far riposare la pasta sucrè, metterla in forno, farla riposare ancora e preparare la ganache sono ben che passate ore... ero completamente fuori tempo. Dovevo ancora preparare la carne, la quale deve rimanere in forno per almeno due ore.. era chiaro ormai, non ce l'avrei mai fatta, ma ero comunque contenta e soddisfatta.

Seguo passo per passo la ricetta di Julia Child, taglio carote e cipolle, faccio rosolare i cubetti di manzo insieme alla pancetta, unisco il tutto in una casseruola e aggiungo una buona quantità di brodo di manzo e vino rosso.. io per la ricetta ho scelto un Chianti Classico, per far si che il sapore della carne sia buono bisogna che anche il vino sia buono. 
Faccio sobbollire sui fornelli per qualche minuto e metto in forno per almeno due ore. Tempo che io assolutamente non avevo a disposizione perchè a quel punto erano già le sette e mezza. 
Nessun problema, la soluzione si trova sempre. Dopo un'ora e venti di cottura in forno con coperchio ho spostato la casseruola sui fornelli per far si che che evaporasse un pochino il vino e il brodo.
La carne era comunque tenera e saporita.. L'ho servita con due mestoli di purea di patate, che avevo preparato mentre la carne cuoceva in forno. 
Come vino da accompagnamento ho scelto un Nobile di Montepulciano, prodotto da un vitigno chiamato Prugnolo Gentile, una sottovarietà del Sangiovese, stessa uva utilizzata per produrre il Chianti Classico, vino che ho scelto per cuocere la carne.

Risultato?? niente male.. anche se sono convinta che se l'avessi lasciata due ore o più in forno la carne sarebbe stata ancora più morbida e saporita. Ciò comporta che....la ricetta è da riprovare, ma la prossima volta seguendo i tempi di cottura consigliati.

Ora che vi ho raccontato la mia giornata culinaria di ieri, mi è tornato un pò di languorino.. così vi saluto e scappo a mangiarmi una fettina di quella super torta al cioccolato e lamponi.



permalink | inviato da Oci il 28/1/2011 alle 8:16 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
Ristorante Il LIberty _ Chef Andrea Provenzale
post pubblicato in diario, il 15 gennaio 2011
La curiosità di provare ristoranti nuovi è sempre forte, così ieri sera io, Clarissa e Filippo abbiamo prenotato un tavolino per tre al Ristorante Il Liberty, Milano.
Clarissa ed io avevamo già avuto la fortuna di conoscere lo Chef Andrea Provenzale in un occasione culinariamente mondana; il comune di Milano ha organizzato a Settembre 2010 un evento in parco Sempione, "Taste of Milano", nel quale diversi tra i più riconosciuti ristoranti e chef di Milano erano presenti con un piccolo assaggio delle loro specialità. In questa occasione siamo riuscite ad iscriverci ad un mini corso di cucina con lo chef Andrea Provenzale. Entusiaste dell'esperienza ci siamo promesse una cenetta nel suo ristorante.
Ed ecco che ieri, nell'indecisione di molti ristoranti che vogliamo provare, abbiamo scelto Il Liberty.
L'ambiente si presenza molto accogliente, aspetto che io personalmente ritengo essenziale per la riuscita di una buona cena, il personale gentile e disponibile. Una cosa mi ha sorpresa, oh meglio, piacevolmente sorpresa, colui che ci ha aperto la porta al nostro arrivo è stato lo chef in persona. Quale miglior modo di accogliere il cliente e farlo sentire speciale?
Probabilmente pensate che cosa c'è di così entusiasmante?!? Io invece l'ho ritenuto un gesto semplice, al di fuori del ruolo dello chef, che mi ha lasciata piacevolmente sorpresa.
Seduti a tavola ognuno di noi aveva un bicchierino di cruditè davanti a se già pronto. Ottima idea!! Un modo per iniziare a coinvolgere il commensale con il cibo.. ovviamente accompagnato da un buon bicchiere di bollicine, in questo caso ci è stato servito un Prosecco di Valdobbiadene, devo recuperare il nome dell'azienda perchè non era per niente male!
Per incominciare ho preso del Patè di fegatini di pollo al Marsala, crostini integrali alle noci e composta di cipolle rosse fondenti e come portata principale arrosto di spinacini di vitello ripieno di carciofi su crema di patate e scalogni glassati all'aceto balsamico. Risultato... molto buono!
Il patè era delizioso e si sposava bene con i crostini di pane integrale alle noci, mentre il secondo, molto saporito, aveva un ripieno di carciofi un pò troppo carico. Non fraintendete, come piatto buono, il vitello era delicato e il ripieno di carciofi si sposava bene con la carne, ma per i miei gusti la quantità di crema di carciofi era troppa rispetto alla carne. Il loro sapore forte sovrastava la delicatezza della carne di vitello.
In fine, quella golosona della mia amica ha ordinato un tortino morbido al cioccolato fondente su crostata alle nocciole, pere al vino rosso speziato e gelato alla crema e cannella, buono buono.. anche se, modestia a parte, quello che faccio io al cioccolato fondente è più goloso.
Una buona cena accompagnata da un buon vino.. Fiorduva di Marisa Cuomo, un vino già degustato in passato, prodotto sulla costiera Amalfitana, che come sempre regala emozioni.
Per concludere una lunga chiaccherata con lo chef.. quello che più ho apprezzato di lui è la sua passione e la voglia di trasmetterla con semplicità.
Un posto dove sicuramente tornerò e anche a breve.

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Il Liberty Ristoranti Milano

permalink | inviato da Oci il 15/1/2011 alle 9:16 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Grandi novità!
post pubblicato in diario, il 27 dicembre 2010
E' iniziato tutto per curiosità... ma si è trasformata in realtà!!

Curiosavo su internet.. avevo sentito parlare della scuola di cucina Alma, di cui rettore il Maestro Marchesi. Così, un giorno, mi ritrovo a passare una buona mezzoretta a leggere tutti i programmi dei corsi di cucina che la scuola propone.. e come per magia... la mia manina clicca il tasto destro del mouse e preme su INVIA.
Insomma... ho inviato il mio curriculum e il 2 Marzo inizio il corso sulle tecniche di base della cucina!!!!
Non sapete che gioia.. yuppy.. :) 
Preparatevi miei cari lettori.. (sempre che ce ne sia qualcuno) per due mesi sarete tampinati di curiosità sulle tecniche di cucina.

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. corso di cucina

permalink | inviato da Oci il 27/12/2010 alle 15:47 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Oci is Back!!
post pubblicato in diario, il 27 dicembre 2010
Forse vi stavate chiedendo dove fossi finita.. oppure se mi fossi già stufata!! ma eccomi qua.. pronta a raccontarvi le mie ultime esperienze culinarie!!!

Prima di tutto devo dirvi che la mia lunga assenza è anche dovuta da un meraviglioso viaggio in Messico con mio fratello Luca. Non potete immaginare quanto io e lui amiamo la cucina messicana.. A tal punto che siamo diventati degli avocado!!! Un buon piatto di guacamole ha accompagnato ogni singolo pasto della nostra giornata.. ovviamente non a colazione (anche se ne saremmo stati capaci), ma poi recuperavamo con l'aperitivo! Insomma due buon gustai messicani..

Rientrata in Italia sono tornata subito al lavoro.. e poi con il Natale ogni scusa è buona per chiudersi in cucina e preparare qualche prelibatezza!

La sera del 18 Dicembre ho invitato le mie amiche a casa per scambiarci i regali di Natale.. Per questa occasione io, Martina e Clarissa abbiamo messo sotto sopra tutta la casa.. per non parlare della cucina!!! 
Spostato qualche mobile abbiamo fatto spazio ad un bel tavolino in stile giapponese circondato da mille cuscini.. cena per terra!! (ho la moquette a casa per fortuna).
Essendo nove ragazze come aperitivo abbiamo pensato di stare leggere.. Cruditè e delle pizzettine fatte con la pasta foglia.. una vera delizia!!
Poi mi sono dilettata in un Risotto Porri e Radicchio.. per pigrizia questa volta ho utilizzato il dado per fare il brodo, ma vi assicuro che ci siamo leccate le dita dopo.. Modestia a parte era proprio buono!
Ma è con il secondo che volevamo stupire.. Arrosto di Lonza di Maiale in sugo di Mela. Ordinato la carne dalla mia amica Clarissa (vi assicuro che è della migliore qualità), fatto marinare per qualche ora, poi farcito con la crema di mele ed un pizzico di miele. Fatto rosolare un pochino in padella e poi messo in forno.. Insomma tutto prometteva bene, se non che prese dalle chiacchere e forse qualche bicchierino di vino che il nostro arrosto di lonza è rimasto troppo in forno. Non fraintendetemi.. era buono!! Solo un pochino asciutto, bastava qualche minuto in meno che era perfetto!!
Per concludere una vera cena natalizia come dolce abbiamo servito Pandoro e Panettone con fondue di cioccolato a parte.. vi dico solo che ho sciolto 4 barrette di cioccolato e sono finite tutte!!!

Una serata meravigliosamente natalizia!! 

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. natale

permalink | inviato da Oci il 27/12/2010 alle 15:29 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Un'emozione a 3*
post pubblicato in diario, il 12 novembre 2010

Come potrei non iniziare raccontandovi del Waterside Inn?
Tutto ebbe inizio nel 2007.. L'università richiedeva di fare uno stage e dati i miei interessi nel settore alberghiero/ristorazione ho deciso di esplorare più a fondo questo mondo.
Sono bastati tre mesi per capire quello che veramente mi interessa, mi appassiona, mi rende felice, mi fa alzare al mattino e sognare..
Tre mesi al Waterside Inn mi hanno convinta che il mondo del cibo, del vino e dell'hotellerie sono quello a cui vorrò dedicarmi.

Talmente conquistata da questo ristorante a tre stelle Michelin che mi sono sempre ripromessa che ci sarei tornata con i miei genitori. Finalmente il weekend scorso, dopo ben 3 anni, mamma, papà, mio fratello Tommaso ed io siamo riusciti a prenotare per una buona cenetta.
Tutto era come prima, o meglio, strepitoso come prima!!!
Una cena che senza accorgercene è durata 5 ore.. ma il tempo è volato e saremmo rimasti li ancora e ancora.

Arrivati alle 20.30, dopo aver salutato i vecchi colleghi, ci hanno fatto accomodare per l'aperitivo nel gazebo sulla terrazza, ai piedi del Tamigi. Un'atmosfera incantevole, accompagnati da una buona bottiglia di Ruinart Blanc de Blancs e da canapè.
Sfogliamo il menu.. tutti e quattro assolutamente indecisi! Avremmo voluto assaggiare tutto quanto.. (praticamente poi lo abbiamo fatto).
Sorseggiando bollicine e degustando canapè eravamo curiosi ed emozionati di essere deliziati da questa buona cucina. 
Insomma, l'avventura stava per iniziare!! Ebbene si, la considero un'avventura.. Quando si prova una cucina così pregiata, saporita, delicata, gustosa ed invitante non può che essere un'avventura per le nostre papille gustative.

Un trionfo di sapori.. Dalle patate con crema di parmigiano e tartufo bianco d'Alba al luccio ricoperto di questa pregiatissima salsa di scambi, dalle fettine di fois gras calde ai medaglioni di aragosta con salsa al porto e un pizzico di zenzero, dal filetto di branzino all'anatra e alla T-bone.. concludndo poi con una incredibile, dolce, sensazionale e calda Tarte Tatin alle pere e ovviamente il piatto di desserts di selezione dello chef. 
Per non parlare della selezioni di vini scelti per la nostra cena.. Meursault 2007, un assaggio di Batard Montrachet, un rosso Bordolese e, con la selezione di formaggi, un pregiato bicchiere di Porto.
Insomma non solo un trionfo di sapori.. Un parco giochi culinario!

Ora capite perchè è durata 5 ore???

Per tutta la strada del ritorno non abbiamo fatto altro che ricordare quello che avevamo appena mangiato, le emozioni che avevamo appena vissuto nell'assagiare cibi e bere vini.. Pieni di entusiasmo e carichi di energia non riuscivamo più a fermarci coi racconti..

Ma il cibo e il vino non bastano per rendere un pasto indimenticabile.. L'accoglienza, la cordialità, il servizio e più di tutto l'ospitalità hanno partecipato a rendere quest'esperienza unica!

Se capitate a Londra e per una volta volete vivere una magia culinaria.. questo è il posto giusto.

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. cibo vino ristorante londra

permalink | inviato da Oci il 12/11/2010 alle 17:18 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
Cerise Curieuse
post pubblicato in diario, il 8 novembre 2010
Voglio fare di te quello che la primavera fa con i ciliegi diceva Neruda, e una ciliegia giovane e curiosa scrive di enogastronomia, dans le monde et avec curiosite..

E`così che Giulia mi vede.. una giovane ciliegia curiosa. Amante del buon cibo e del buon vino, passo la maggior parte del mio tempo sfogliando enciclopedie sul vino e ricettari di cucina, ormai le mie librerie (..e sono molte!) non hanno più spazio per le mie curiosità.
E`giunto così il momento che sia io a parlare di enogastronomia, ma voglio parlarvi di questo mondo meraviglioso come piace a me, come lo vivo io.
Vi racconterò di ristoranti, esperimenti in cucina, cene tra amici, fiere del gusto, bottiglie stappate e curiosità enogastronomiche.

Mi auguro di poter trasmettere anche solo un pochino della passione che ho io per questo mondo magico.

Buona degustazione..




Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. vino cibo enogastronomia

permalink | inviato da Oci il 8/11/2010 alle 12:12 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
Sfoglia gennaio       
calendario
cerca